Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
21 settembre 2011 3 21 /09 /settembre /2011 17:22

Nel castello di Martinì, la principessina Martina canta davanti ad uno specchio, mentre la sua giovane dama di compagnia le spazzola i lunghi capelli.

Sai ! dice Martina alla sua dama di compagnia - sono alcune notti che faccio un brutto sogno, sempre quello, vedo un grande fossato con tanti coccodrilli ed io so che mi devo tuffare ma non so il perchè e non ne ho il coraggio, poi mi sveglio e ringrazio il cielo perchè è stato solo un sogno.

La dama è in realtà è una fata mandata per proteggerla da una strega malvagia e gelosa.

Dovete sapere che quando nacque la principessa Martina anche la figlia della strega malvagia, Mara ebbe un bimbo, lei però non era malvagia e cattiva come la madre, anzi era bella e buona e ha cercato in mille modi di portare la madre sulla retta via.

La supplicava tutti i giorni: - madre! tu sai fare molte cose, falle per il bene, non per il male e vedrai che sarai più felice! ma la strega non ascoltava e un giorno stanca delle parole della figlia, prese il piccolo lo trasformò in un coccodrillo e lo gettò nel fossato; la poverina pianse tutte le sue lacrime, voleva gettarsi anche lei nel fosso e lasciarsi divorare dai coccodrilli, ma la regina delle fate ebbe pietà di lei e del suo dolore.

Tu sei molto buona e meriti di essere aiutata e la mandò a fare da dama di compagnia alla principessina Martina.

Mi raccomando! le disse, se voui salvare tuo figlio devi far crescere la principessina nel modo giusto, devi insegnarle il bene e tutto ciò che è giusto, perchè le principesse nascono pure, non sono cattive e non sono buone, tutto dipende da te.

La giovane Mara faceva con impegno il suo lavoro, tutti i giorni con calma e dolcezza indirizzava la giovane Martina verso il giusto,

le insegnava ad essere umile, ad avere pietà, essere sincera e la riprendeva quando sbagliava, così Martina si lasciava guidare e crebbe felice, molto buona e anche tanto bella.

Quel sogno strano però non l'abbandonava mai.

Una notte di luna piena, mentre affacciata al suo balcone guardava il fossato sottostante, si chiedeva come mai ancora nessun principe l'avesse chiesta in sposa. Si vergognava a chiederlo a Mara, così di nascosto lo chiese al mago di corte.

Questi guardò le sue carte, misurò la distanza tra le stelle del firmamento e alla fine dei suoi calcoli le disse: - il tuo principe verrà dall'acqua, non lo riconoscerai subito, dovrai soffrire e provare molta paura, ma sarà la tua intelligenza e la tua bontà a liberarlo da una situazione che lo tiene prigioniero da molti anni.

Poi sarete felici e contenti per sempre.

La principessina ne rimase molto scossa; allora i suoi sogni, i coccodrilli nel fossato erano quelli attorno al suo castello? era da lì che sarebbe arrivato il suo principe?

Da quella notte e per tutte le notti a venire si affacciò dal balconcino a guardare il fossato, cantando con la sua voce melodiosa, dolci canzoni cariche di gioia e amore.

I coccodrilli si ragruppavano sotto il balcone facendo tuffi e capriole.

Una notte di luna piena notò che un coccodrillo stava in disparte, non saltava e non si agitava, Martina sentiva una vocina dentro di lei che diceva. - TUFFATI! RAGGIUNGILO! ma lei non ne aveva il coraggio.

Poi ricordò le parole del mago: "avrai paura ma sarà la tua intelligenza ad aiutarti".

Passarono altre notti di luna piena, Martina guardava sempre il coccodrillo in dispare, era sempre quello, ormai lo riconosceva e si accorse che nel tratto di fossato dove nuotava faceva dei movimenti insoliti, rimase stupita nel vedere che scriveva il suo nome.

Quella notte scacciò la paura e non indugiò più, si tuffò nel fossato, lo raggiunse con la paura in gola, lo baciò e accarezzò la sua corazza e vide due occhi tristi e bellissimi.

Con lei a cavalcioni sul suomdorso il coccodrillo raggiunse la riva salì sul selciato e quando fu fuori dall'acqua si trasformò in un bellissimo ragazzo.

E' una vita che ti aspetto! disse, anch'io rispose Martina e si baciarono.

Da quel giorno vissero felici e contenti, governando il regno e trattando i sudditi in modo esemplare. 

                                                 CP


Condividi post

Repost 0
Published by fiabe e storielle per bambini - semplici ricette
scrivi un commento

commenti

Présentation

  • : Blog di paola-bloglibro.over-blog.it
  • Blog di paola-bloglibro.over-blog.it
  • : il mio blog consiste nel raccontare storielle per bambini - ricette di cucina e consigli utili per la casa.
  • Contatti

Recherche

Liens